• 21 novembre in occasione della festività della Madonna della Salute le chiese di San Polo e Santa Maria del Giglio saranno aperte solo per la preghiera.
  • Chiesa di San Giobbe A causa di importanti lavori di manutenzione la visita artistica è sospesa nella chiesa di San Giobbe.

Le chiese >  Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari
Altre opere presenti nella Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari

Secolo: XV°
AUTORE: Baldassarre Longhena (1598-1682) e Giuseppe Sardi (1621-1699)
TITOLO: Altare di sant'Antonio
DATA: 1663
COLLOCAZIONE: primo altare a destra
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

L’altare attuale fu costruito dalla confraternita di sant’Antonio in sostituzione di uno più antico in legno. Il disegno è di Baldassarre Longhena, mentre l’esecuzione è di Giuseppe Sardi, così come attesta il contemporaneo Vincenzo Coronelli (1650-1718). Quattro grandi colonne di marmo bianco di Carrara inquadrano la statua del santo circondata da quattro angeli. Ai lati sono collocate le statue della Fede e della Speranza, opere di Bernardo Falcone di Lugano (1630-1697); sopra di esse, ai lati della trabeazione, sono poste la Carità e la Prudenza di Giusto Le Court (1627-1679). Allo stesso artista sono attribuite la Giustizia e la  Meditazione adagiate lungo il frontone, mentre alla sommità il Cristo risorto del Falcone è affiancato dalla Temperanza e dalla Fortezza di Le Court.

***

AUTORE: Lorenzo Bregno (attr.)
TITOLO: Altare maggiore
DATA: 1414-18
COLLOCAZIONE: presbiterio
TECNICA: marmo

L’altare maggiore fu consacrato il 13 febbraio 1469. La cornice con le due colonne scanalate di ordine corinzio, fu fatta innalzare nel 1516 dal superiore del convento dei Frari Germano da Casale. Sulla trabeazione sono poste le statue di Cristo risorto, San Francesco e Sant’Antonio da Padova opere di Lorenzo Bregna. Entro la cornice marmorea a fregi dorati doveva essere posto il quadro della Vergine gloriosa a cui era dedicata la chiesa e che il priore Germano aveva commissionato al Tiziano. L’altare fu staccato dall’ancona nel 1825.

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Antico ingranaggio del campanile
COLLOCAZIONE: sala del Capitolo
TECNICA: metallo

***

AUTORE: Napoleone Martinuzzi (1892-1977)
TITOLO: Busto di Claudio Monteverdi
DATA: XIX secolo
COLLOCAZIONE: cappella dei Milanesi - parete destra -.
TECNICA: scultura
MATERIALI: bronzo

La cappella dei Milanesi fu così denominata in quanto la colonia lombarda, fiorente a Venezia, aveva ottenuto dai frati francescani, fin dal 1361, la concessione ad utilizzarla. La Confraternita restaurò la cappella a proprie spese per poi farla consacrare, nel 1421, dal vescovo di Como Antonio Rusconi. Una copia in gesso del busto è conservata nella Sala del Capitolo.

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Busto di Cristo
DATA: XIII secolo
COLLOCAZIONE: cappella del Sacramento - pilastro sinistro
TECNICA: bassorilievo dipinto
MATERIALI: pietra

Si tratta di una piccola edicola che accoglie l’immagine del Cristo morto sormontata da un angelo posto nel timpano. Questo bassorilievo dovrebbe provenire dalla chiesa duecentesca dei Frari dalla quale venne recuperato per essere incassato in questo pilastro nel tempo della terza riedificazione della Basilica.

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1539-1614)
TITOLO: Creazione del mondo
DATA: XVI secolo
COLLOCAZIONE: navata destra
TECNICA: olio su tela

Addossato al coro, sul cassettone intagliato ottocentesco già della Scuola di San Francesco, sono collocate le quattro tele settecentesche de il Vicentino raffiguranti: la Creazione del mondo, il Serpente di bronzo innalzato da Mosè nel deserto, il Giudizio finale e la Gloria del Paradiso.

***

AUTORE: Lazzaro Bastiani (attr.) (1449 - 1512)
TITOLO: Cristo morto
DATA: seconda metà XV secolo
COLLOCAZIONE: sacrestia
TECNICA: dipinto su tavola
MATERIALI: legno

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1539-1614)
TITOLO: Cristo, la Vergine e la gloria dei Santi
DATA: XVI-XVII secolo
COLLOCAZIONE: transetto sinistro - testata -
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Anonimo Veneto
TITOLO: Crocifisso
DATA: fine XV secolo
COLLOCAZIONE: cappella di san Pietro
TECNICA: scultura
MATERIALI: legno dipinto

La cappella di San Pietro viene detta anche cappella Emiliani dal nome del vescovo di Vicenza Pietro Miani o Emiliani che la fece erigere nel 1432.

***

AUTORE: Andrea Brustolon (1662-1732)
TITOLO: Crocifisso
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE: sacrestia - parete di fondo -
TECNICA: scultura
MATERIALI: legno, madreperla

***

AUTORE: Lorenzo (1425-1477) e Cristoforo (1426 ca.-post 1477) Canozzi da Lendinara
TITOLO: Dossale
DATA: XV secolo
COLLOCAZIONE: transetto - lato sinistro -
TECNICA: intaglio
MATERIALI: legno

Il dossale di noce è traforato in stile gotico. È diviso in ventuno scomparti da colonnine tortili che sorreggono archetti ogivali. Sopra di questi corre un lungo ramo di quercia. Alcuni studiosi attribuiscono l’opera a maestranze tedesche, piuttosto che ai fratelli Canozzi.

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1539-1614)
TITOLO: Giudizio Universale
DATA: XVI secolo
COLLOCAZIONE: cappella di San Pietro - parete destra
TECNICA: olio su tela

La cappella di San Pietro viene detta anche cappella Emiliani dal nome del vescovo di Vicenza Pietro Miani o Emiliani che la fece erigere nel 1432.

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1539-1614)
TITOLO: Il Giudizio finale
DATA: XVI secolo
COLLOCAZIONE: navata destra
TECNICA: olio su tela

Addossato al coro, sul cassettone intagliato ottocentesco già della Scuola di San Francesco, sono collocate le quattro tele settecentesche de il Vicentino raffiguranti: la Creazione del mondo, il Serpente di bronzo innalzato da Mosè nel deserto, il Giudizio finale e la Gloria del Paradiso.

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1539-1614)
TITOLO: Il serpente di bronzo e Cristo in croce
DATA: XVI-XVII secolo
COLLOCAZIONE: transetto sinistro - testata -
TECNICA: olio su tela

La figura di Cristo in croce è sostenuta da angeli e circondata dalle Virtù teologali e cardinali.

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1539-1614)
TITOLO: Il serpente di bronzo innalzato da Mosè nel deserto
DATA: XVI secolo
COLLOCAZIONE: navata destra
TECNICA: olio su tela

Addossato al coro, sul cassettone intagliato ottocentesco già della Scuola di San Francesco, sono collocate le quattro tele settecentesche de il Vicentino raffiguranti: la Creazione del mondo, il Serpente di bronzo innalzato da Mosè nel deserto, il Giudizio finale e la Gloria del Paradiso.

***

AUTORE: Pietro Negri (1628-1679)
TITOLO: L'albero francescano
DATA: 1670
COLLOCAZIONE: navata sinistra
TECNICA: olio su tela

La grande tela di Pietro Negri rappresenta l’Albero francescano cioè i santi, i pontefici, i vescovi, i dottori e gli uomini celebri dell’ordine. In fondo al quadro è ritratto il padre Agostino Maffei committente dell’opera.

***

AUTORE: Jacopo Negretti detto Palma il Giovane (1544-1628)
TITOLO: La discesa al limbo
DATA: 1600 ca.
COLLOCAZIONE: cappella Corner - parete di fondo -
MISURE:
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1539-1614)
TITOLO: La Gloria del Paradiso
DATA: XVI secolo
COLLOCAZIONE: navata destra
TECNICA: olio su tela

Addossato al coro, sul cassettone intagliato ottocentesco già della Scuola di San Francesco, sono collocate le quattro tele settecentesche de il Vicentino raffiguranti: la Creazione del mondo, il Serpente di bronzo innalzato da Mosè nel deserto, il Giudizio finale e la Gloria del Paradiso.

***

AUTORE: Girolamo Campagna (1550ca.-1626ca.)
TITOLO: La Mansuetudine
DATA: 1593
COLLOCAZIONE: navata centrale - a destra -
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo, bronzo

L’acquasantiera recante la statuetta in bronzo raffigurante La Mansuetudine, nella figura di Sant' Agnese, fu realizzata dal Campagna e commissionata da padre Baldassare Stella nel 1609 così come evidenzia l’iscrizione apposta sul basamento marmoreo della vasca.

***

AUTORE: Niccolò Bambini (1651–1736)
TITOLO: La strage degli Innocenti
DATA: XVII-XVIII secolo
COLLOCAZIONE: transetto sinistro - testata -
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1539-1614)
TITOLO: La Vergine e Cristo in gloria e Santi
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE: transetto - lato sinistro -
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Bonifacio De’ Pitati (1487-1553)
TITOLO: La visita della regina di Saba a Salomone
DATA: XVI secolo
COLLOCAZIONE: sacrestia - parete sinistra
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Scuola lombardesca (XVI secolo)
TITOLO: Lavabo
DATA: XVI secolo
COLLOCAZIONE: sacrestia
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

Il fregio superiore del lavabo venne realizzato nel 1828 così come attesta l'iscrizione apposta.

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1539-1614)
TITOLO: Le sette opere della Misericordia
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE: navata sinistra - septo del coro -
TECNICA: olio su tela

Le tre tele del Vicentino rappresentano le Sette opere di Misericordia corporale: dar da mangiare agli affamati, dar da bere agli assettati, vestire gli ignudi, alloggiare i pellegrini, visitare gli infermi, visitare i carcerati, seppellire i morti.

***

AUTORE: Anonimo Veneto
TITOLO: Madonna della Misericordia
DATA: XV secolo
COLLOCAZIONE: sacrestia - parete destra
TECNICA: dipinto su tavola

L'opera rappresenta la Vergine, Madre della misericordia, che protegge i fedeli sotto il suo manto, affiancata dai santi Marco e Francesco. La pregevole tavola era probabilmente un antico paliotto d'altare.

***

AUTORE: Scultore fiorentino (XV secolo)
TITOLO: Monumento a Federico Corner
DATA: XV secolo
COLLOCAZIONE: cappella Corner - parete sinistra -
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

Giovanni Corner fece costruire questa cappella nel 1420 e la dedicò a san Marco evangelista in memoria dello zio Marco. Il monumento fu realizzato in onore di Federico Corner, padre di Giovanni e fratello di Marco, il quale già nel 1378 lasciò per volontà testamentaria l’ordine di costruzione della cappella in memoria del fratello Marco. L’elegante angelo regge un ampio cartiglio su cui è inciso l’elogio funebre del nobile Federico che salvò la patria nella guerra di Chioggia contro i Genovesi offrendo le sue sostanze e il suo aiuto. L'opera è della scuola del Donatello, mentre il circostante affresco monocromatico è attribuito ad Andrea Mantegna o al suo discepolo Jacopo Palisati da Montagnana.

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Monumento a Gerolamo Garzoni
DATA: 1688
COLLOCAZIONE: controfacciata - al centro -
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

Il fastoso monumento barocco è dedicato al senatore Girolamo Garzoni morto nell’assedio di Negroponte nel 1688. La figura vigorosa del Garzoni, armato ed in piedi, viene incoronata da un angelo fra le statue di Venezia e della Religione.

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Monumento a Gerolamo Venier
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE: navata sinistra
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

***

AUTORE: Lorenzo Bregno (1460ca.-1530ca.)
TITOLO: Monumento a Melchiorre Trevisan
DATA: XVI secolo
COLLOCAZIONE: cappella di San Michele - parete destra -
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

La cappella di San Michele fu dedicata già nel 1348 a san Michele Arcangelo in quanto protettore della Scuola dei Vasai. Il Trevisan, valoroso generale veneziano e condottiero della flotta contro i turchi, si rese benemerito dei Frari per il dono della reliquia del Preziosismo Sangue portata da Costantinopoli nel 1479 e donata ai frati nel 1480.

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Monumento a un ignoto guerriero
DATA: XIV secolo
COLLOCAZIONE: cappella di san Michele - parete sinistra -
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

La cappella di San Michele fu dedicata già nel 1348 a san Michele Arcangelo in quanto protettore della Scuola dei Vasai. Il monumento funebre fu probabilmente realizzato in onore di un guerriero francese venuto a Venezia per imbarcarsi in Terra Santa.

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Monumento ad Arnoldo D'Este (1337)
DATA: XIV secolo
COLLOCAZIONE: cappella del Sacramento - parete sinistra -
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

La cappella del Sacramento era un tempo la cappella della scuola di san Francesco della quale rimane lo stemma sopra l’arco. L’altare è opera realizzata su disegno di Max Ongaro dallo scultore Vincenzo Candorin nel 1910; le dorature furono invece eseguite dai fratelli Michieli dei Frari.

***

AUTORE: Bottega di Antonio Lombardo (1458ca.-1516)
TITOLO: Monumento al capitano Jacopo Barbaro (+1511)
DATA: 1511
COLLOCAZIONE: navata destra
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

***

AUTORE: Bottega dei Lombardo (attr.)
TITOLO: Monumento al filosofo Benedetto Brugnolo (+1505)
DATA: 1505
COLLOCAZIONE: navata destra
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

Il monumento è dedicato a Benedetto Brugnolo da Legnago, letterato e filosofo.

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Monumento al senatore Simonetto Dandolo (+1360)
DATA: 1360 ca.
COLLOCAZIONE: controfacciata - lato destro -
TECNICA: scultura
MATERIALI: pietra

***

AUTORE: Francesco Penso detto Cabianca (1665-1737)
TITOLO: Monumento al vescovo Giuseppe Bottari
DATA: 1708
COLLOCAZIONE: navata destra
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

Il monumento è dedicato a padre maestro Giuseppe Bottari, vescovo di Pola già Ministro Generale dei Conventuali ed alunno dei Frari.

***

AUTORE: Mattia Carnero
TITOLO: Monumento al vescovo Marco Zen (+1641)
DATA: 1641
COLLOCAZIONE: navata destra
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

***

AUTORE: Scuola dei Dalle Masegne
TITOLO: Monumento al vescovo Pietro Miani
DATA: 1464
COLLOCAZIONE: cappella di San Pietro - parete sinistra -
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

La cappella di San Pietro viene detta anche cappella Emiliani dal nome del vescovo di Vicenza Pietro Miani o Emiliani che la fece erigere nel 1432.L’urna su cui giace il vescovo è di stile gotico fiorito. Su di essa si elevano le statue di: San Filippo apostolo, San Fantino, San Pietro, San Giovanni Battista e San Giovanni Evangelista.

***

AUTORE: Callido Gaetano (1727-1813)
TITOLO: Organo
DATA: 1796
COLLOCAZIONE: coro - lato destro -
MATERIALI: legno dipinto, metallo

L’organo del Candido, insieme a quello del Piaggia, posto sul lato sinistro del coro, richiama l’insigne cappella musicale che i frati tennero in basilica. Il restauro del 1971, curato dalla Fondazione Giuseppe Volpi di Misurata, ha restituito i due organi alla grande musica per la quale furono realizzati in occasione del Festival Internazionale di musica.

***

AUTORE: Giovanni Battista Piaggia
TITOLO: Organo
DATA: 1732
COLLOCAZIONE: coro - lato sinistro
MATERIALI: legno dipinto, metallo

L’organo del Piaggia insieme a quello del Callido, posto sul lato destro del coro, richiama l’insigne cappella musicale che i frati tennero in basilica. Il restauro del 1971, curato dalla Fondazione Giuseppe Volpi di Misurata, ha restituito i due organi alla grande musica per la quale furono realizzati in occasione del Festival Internazionale di musica.

***

AUTORE: Francesco Pianta (attivo seconda metà XVII secolo)
TITOLO: Orologio
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE: sacrestia - parete sinistra -
TECNICA: intaglio
MATERIALI: legno, pergamena

L'opera è realizzata in un unico pezzo di legno cipresso ed incassa l'orologio in una cornice intagliata con figure allegoriche del tempo.

***

AUTORE: Anonimo (XV secolo)
TITOLO: Paliotto d'altare
DATA: XV secolo
COLLOCAZIONE: cappella Corner
TECNICA: bassorilievo
MATERIALI: pietra

Giovanni Corner fece costruire questa cappella nel 1420 e la dedicò a san Marco evangelista in memoria dello zio Marco. Il paliotto raffigura, entro una cornice dentellata, due angeli inginocchiati che reggono un clipeo con bordo a treccia, all'interno del quale è inserito l'Agnello Mistico.

***

AUTORE: Ottavio Angaran
TITOLO: Presepe
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE: cappella di San Giovanni Battista - parete destra
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Tiziano Vecellio detto il Tizianello (1570ca.-1650ca.)
TITOLO: San Carlo Borromeo comunica agli appestati
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE: cappella dei Milanesi - parete sinistra -
TECNICA: olio su tela

La cappella dei Milanesi fu così denominata in quanto la colonia lombarda, fiorente a Venezia, aveva ottenuto dai frati francescani, fin dal 1361, la concessione ad utilizzarla. La Confraternita restaurò la cappella a proprie spese per poi farla consacrare, nel 1421, dal vescovo di Como Antonio Rusconi.

***

AUTORE: Tiziano Vecellio detto Tizianello (1570ca.-1650ca.)
TITOLO: San Carlo Borromeo distribuisce l'elemosina
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE:  cappella dei Milanesi - parete destra -
MISURE:
TECNICA: olio su tela

La cappella dei Milanesi fu così denominata in quanto la colonia lombarda, fiorente a Venezia, aveva ottenuto dai frati francescani, fin dal 1361, la concessione ad utilizzarla. La Confraternita restaurò la cappella a proprie spese per poi farla consacrare, nel 1421, dal vescovo di Como Antonio Rusconi.

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: San Filippo Neri
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE: sacrestia - parete destra -
MISURE:
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Scuola di Alessandro Vittoria
TITOLO: San Francesco
DATA: 1585
COLLOCAZIONE: cappella dei Santi Francescani - a sinistra dell'altare
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: San Francesco e Sant'Anonio
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE: sacrestia - parete di fondo -
TECNICA: scultura
MATERIALI: legno

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1542ca.-1617)
TITOLO: San Francesco ottiene l’indulgenza dal Papa Onorio III (1588)
DATA: 1588
COLLOCAZIONE: cappella dei Santi francescani - parete sinistra
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Andrea Michieli detto il Vicentino (1542ca.-1617)
TITOLO: San Francesco ottiene l’indulgenza dal Papa Onorio III (1588)
DATA: 1588
COLLOCAZIONE: cappella dei Santi francescani - parete sinistra -
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Jacopo Negretti detto Palma il Giovane (1544-1628)
TITOLO: San Francesco ottiene l’indulgenza dal Papa Onorio III e la conferma della Regola
DATA: 1598
COLLOCAZIONE: cappella dei Santi francescani - parete destra
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Angelo Venturini
TITOLO: San Giovanni Evangelista benedice i discepoli
DATA: XVIII secolo
COLLOCAZIONE: navata sinistra - primo altare
TECNICA: olio su tela

La tela è collocata sotto l'urna del Senatore Simonetto Dandolo.

***

AUTORE: Giuseppe Nogari (1699-1763)
TITOLO: San Giuseppe da Copertino in gloria
DATA: XVIII secolo
COLLOCAZIONE: navata destra - quinto altare (altare di San Giuseppe da Copertino) -
TECNICA: olio su tela

L’altare assunse la forma attuale nel 1753 quando furono rimosse le statue e gli stucchi di Alessandro Vittoria per collocarvi la tela di Giuseppe Nogari (San Giuseppe da Copertino in estasi). Del Vittoria rimangono le due sibille sul timpano dell'altare, le statue di San Pietro e Sant' Andrea ai lati e il San Girolamo al centro.

***

AUTORE: Alessandro Vittoria (1525-1608)
TITOLO: San Pietro
DATA: 1564
COLLOCAZIONE: navata destra - a sinistra del quinto altare (altare di San Giuseppe da Copertino) -
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

L’altare assunse la forma attuale nel 1753 quando furono rimosse le statue e gli stucchi di Alessandro Vittoria per collocarvi la tela di Giuseppe Nogari (San Giuseppe da Copertino in estasi). Del Vittoria rimangono le due sibille sul timpano dell'altare, le statue di San Pietro e Sant' Andrea ai lati e il San Girolamo al centro.

***

AUTORE: Scuola di Alessandro Vittoria
TITOLO: Sant' Elena
DATA: 1585
COLLOCAZIONE: cappella dei Santi Francescani - a destra dell'altare
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

***

AUTORE: Tiziano Vecellio detto il Tizianello (1570ca.-1650ca.)
TITOLO: Sant’Ambrogio impedisce all’imperatore l’ingresso nel tempio
DATA: XVII secolo
COLLOCAZIONE: cappella dei Milanesi - parete sinistra -
TECNICA: olio su tela

La cappella dei Milanesi fu così denominata in quanto la colonia lombarda, fiorente a Venezia, aveva ottenuto dai frati francescani, fin dal 1361, la concessione ad utilizzarla. La Confraternita restaurò la cappella a proprie spese per poi farla consacrare, nel 1421, dal vescovo di Como Antonio Rusconi. L'opera rievoca l'episodio storico nel quale sant' Ambrogio impedisce l'ingresso nel tempio all'imperatore Teodosio in quanto si era macchiato della strage di Tessalonica.

***

AUTORE: Giovanni Contarini (1549-1605)
TITOLO: Sant'Ambrogio scaccia gli Ariani
DATA: XVI secolo
COLLOCAZIONE: cappella dei Milanesi - parete destra -
TECNICA: olio su tela

La cappella dei Milanesi fu così denominata in quanto la colonia lombarda, fiorente a Venezia, aveva ottenuto dai frati francescani, fin dal 1361, la concessione ad utilizzarla. La Confraternita restaurò la cappella a proprie spese per poi farla consacrare, nel 1421, dal vescovo di Como Antonio Rusconi.

***

AUTORE: Alessandro Vittoria (1525-1608)
TITOLO: Sant'Andrea
DATA: 1564
COLLOCAZIONE: navata destra - a destra del quinto altare (altare di San Giuseppe da Copertino) -
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

L’altare assunse la forma attuale nel 1753 quando furono rimosse le statue e gli stucchi di Alessandro Vittoria per collocarvi la tela di Giuseppe Nogari (San Giuseppe da Copertino in estasi). Del Vittoria rimangono le due sibille sul timpano dell'altare, le statue di San Pietro e Sant' Andrea ai lati e il San Girolamo al centro.

***

AUTORE: Giacomo Di Caterino di San Salvador
TITOLO: Sant'Antonio
DATA: 1450
COLLOCAZIONE: primo altare a destra - altare di Sant'Antonio
TECNICA: scultura
MATERIALI: legno

La statua è collocata al centro dell'altare dedicato a Sant'Antonio.

***

AUTORE: Pietro Muttoni detto Della Vecchia (1603-1678)
TITOLO: Sant'Antonio col modello della basilica del Santo
DATA: 1674
COLLOCAZIONE: controfacciata - parete sinistra -
TECNICA: olio su tela

La tela è collocata sul monumento dedicato al procuratore Alvise Pasqualigo.

***

AUTORE: Anonimo (ambito veneto)
TITOLO: Sepolcro dell'abate Luigi della Torre (1549)
DATA: 1549
COLLOCAZIONE: navata destra
MATERIALI: legno

La cassa in legno è collocata sulla porta del chiostro e coonserva le spoglie dell'abate Luigi della Torre ucciso nel 1549 da Tristano da Savorgnan. Doveva essere un deposito provvisorio finchè non fosse stato costruito il sepolcro definitivo. Falsa la leggenda che voleva lì sepolto il Carmagnola, morto un secolo prima. La tela nella quale sono raffigurati i due angeli che aprono il baldacchino e che paiono onorare l'urna sottostante.

***

AUTORE: Jacopo Parisati da Montagnana (1440/43-1499)
TITOLO: Simboli degli evangelisti
DATA: XV secolo
COLLOCAZIONE: sacrestia - abside -
MISURE:
TECNICA: affresco

I simboli dei quattro evangelisti sono rappresentati entro clipei nelle vele della volta a crociera dell'abside.

***

AUTORE: Marco e Francesco Cozzi e anonimi scultori strasburghesi
TITOLO: Stalli lignei
DATA: 1468
COLLOCAZIONE: coro
MISURE: 4,50x13,70x16m
TECNICA: intaglio ed intarsio
MATERIALI: legno dipinto e dorato

Il coro è costituito da tre ordini di dossali intarsiati e scolpiti che terminano con una conchiglia dipinta e dorata sormontata da un pinnacolo sul quale è posta una figura di angelo ed è chiuso esternamente da un septo marmoreo databile al 1475 al centro del quale è collocato il Crocifisso attribuito ad Andrea Verrocchio.L’antico coro dei Frari, unico esempio rimasto a Venezia nella sua originaria posizione e struttura, è collocato tra il quarto e il sesto pilone della navata centrale. L’opera reca la firma, sulla testata del primo stallo verso la sacrestia, del solo Marco Cozzi. Il coro si articola in 124 stalli distribuiti su tre ordini: 50 nell’ordine superiore, 40 nel medio e 34 nell’inferiore. Negli stalli più in alto sono incastonati due ordini di specchi, quelli inferiori sono lavorati ad intarsio mentre quelli superiori, entro eleganti cornici, racchiudono 50 figure ad intaglio di stile gotico tedesco raffiguranti santi, pontefici e lo stesso autore del coro.Nel 1475 la parte esterna anteriore e laterale del coro venne cinta con pietre d’Istria (vedi struttura marmorea del coro).

***

AUTORE: Anonimi scultori nordici strasbueghesi e bottega dei Lombardo
TITOLO: Struttura marmorea del coro
DATA: 1475
COLLOCAZIONE: coro
MISURE: 4,50x13,70x16m
TECNICA: scultura e intarsio
MATERIALI: marmo, legno

Nel 1475 la parte esterna anteriore e laterale del coro venne cinta con pietre d’Istria. Essa è divisa in tanti specchi i cui bassorilievi rappresentano patriarchi e profeti dell’Antico Testamento. Sotto gli amboni sono rappresentati i quattro dottori della Chiesa: Sant’Ambrogio, San Gregorio Magno, Sant’ Agostino e San Girolamo. Sopra il coronamento sono poste due statue di otto apostoli, Sant’ Antonio e San Francesco e, ai lati del grande Crocifisso attribuito al Verrocchio, la Madonna e San Giovanni Evangelista. I due busti di San Bernardino e San Ludovico d’Angiò appoggiano sui due piastrini che reggono l’arco. Questi due e i quattro dottori della Chiesa sono opera di Pietro Lombardo mentre il resto è attribuito alla sua bottega. Le due porticine con i meravigliosi lavori d’intarsio che portano agli amboni sono probabile opera di Lorenzo Canozi da Lendinara (+1477).

***

AUTORE: Giambattista Piazzetta (1683-1754) (ambito)
TITOLO: Susanna e i vecchioni
DATA: XVIII secolo
COLLOCAZIONE: sacrestia - abside parete sinistra -
TECNICA: olio su tela

***

AUTORE: Pietro Lombardo (1434-1515)
TITOLO: Tabernacolo marmoreo
DATA: 1501
COLLOCAZIONE: sacrestia - parete sinistra -
TECNICA: rilievo
MATERIALI: marmo

L'elegante tabernacolo reliquiario custodiva la reliquia del Preziosissimo Sangue. Nello scomparto centrale, lo sportello, realizzato in metallo sbalzato, esalta la prospettiva archittettonica tipicamente quattrocentesca. Ai lati sono collocate le statue di san Francesco e san Giovanni Battista.

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Tomba di Claudio Monteverdi
DATA: XVII
COLLOCAZIONE: cappella dei Milanesi - pavimento -
TECNICA: lastra pavimentale
MATERIALI: marmo

La cappella dei Milanesi fu così denominata in quanto la colonia lombarda, fiorente a Venezia, aveva ottenuto dai frati francescani, fin dal 1361, la concessione ad utilizzarla. La Confraternita restaurò la cappella a proprie spese per poi farla consacrare, nel 1421, dal vescovo di Como Antonio Rusconi. La lastra commemora la sepoltura del celebre musicista Claudio Monteverdi da Cremona, confratello della Scuola, che morì a Venezia il 28 novembre 1643.

***

AUTORE: Scuola Mantegnesca (XV secolo)
TITOLO: Trionfo di Jacopo Marcello
DATA: post 1488
COLLOCAZIONE: transetto destro
TECNICA: affresco

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Urna a Nicolò Lion
DATA: XIV secolo
COLLOCAZIONE: cappella dei Santi francescani - parete destra
TECNICA: marmo

Il monumento fu realizzato in onore del Procuratore di San Marco Nicolò Lion (1359) famoso per la scoperta della congiura di Marin Faliero. L’urna si trovava nell’attigua chiesa di San Nicoletto fatta erigere, insieme all’annesso convento, per i frati anziani dal benemerito procuratore. L’urna fu trasportata in basilica nel 1807 quando Napoleone fece demolire la chiesa e disperse le innumerevoli opere d’arte in essa contenute.

***

AUTORE: De Santi o Scuola dei Dalle Masegne (attr.)
TITOLO: Urna di Gerolamo e Lorenzo Bernardo
DATA: 1500
COLLOCAZIONE: cappella Bernardo - parete destra -
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

Nel 1482 la famiglia veneziana Bernardo divenne proprietaria di questa cappella e la restaurò.

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Urna sepolcrale di Giuseppe Volpi di Misurata (+1947)
DATA: XX secolo
COLLOCAZIONE: navata sinistra
TECNICA: scultura
MATERIALI: marmo

***

AUTORE: Anonimo
TITOLO: Vetrate
DATA: XV secolo
COLLOCAZIONE: cappella Corner - abside -
TECNICA: vetrata

Giovanni Corner fece costruire questa cappella nel 1420 e la dedicò a san Marco evangelista in memoria dello zio Marco. Le vetrate dell’ordine superiore raffigurano la Vergine, san Girolamo, santa Caterina d’Alessandria, san Marco, san Gregorio Magno e santa Lucia.

***

AUTORE: Giovanni Beltrami (1860-1926)
TITOLO: Vetrate
DATA: 1907
COLLOCAZIONE: cappella Corner - abside -
TECNICA: vetrata

Giovanni Corner fece costruire questa cappella nel 1420 e la dedicò a San Marco evangelista in memoria dello zio Marco. Le vetrate del Beltrami, collocate nell’ordine inferiore delle finestre, raffigurano tralci vegetali intrecciati a cartigli con versetti delle Sacre Scritture.

***

AUTORE: Giovanni Beltrami (1860-1926)
TITOLO: Vetrate
DATA: 1907
COLLOCAZIONE: presbiterio
TECNICA: vetro dipinto

Le vetrate dell’abside raffigurano episodi della vita di San Francesco e di Sant’ Antonio da Padova.

***

AUTORE: Umberto Martina (1880-1943)
TITOLO: San Francesco orante
DATA: XX secolo
COLLOCAZIONE: cappella di san Giovanni Battista - parete sinistra
TECNICA: olio su tela




Chorus - Associazione per le Chiese
del Patriarcato di Venezia

San Polo, 2986 - 30125 Venezia
tel +39 041 27 50 462
fax +39 041 27 50 494
P.Iva 03034040273
info@chorusvenezia.org