• dal 1 febbraio 2017 nuovi orari apertura chiese da lunedì a sabato dalle 10.30 alle 16.30 (ultimo ingresso alle ore 16.20); SAN GIOVANNI ELEMOSINARIO da lunedì a sabato dalle ore 10.30 alle ore 13.15 (ultimo ingresso alle ore 13.00) - SAN STAE da lunedì a sabato dalle ore 13.45 alle ore 16.30 (ultimo ingresso alle ore 16.20); BASILICA DEI FRARI INVARIATO da lunedì a sabato dalle ore 9 alle ore 18 (ultimo ingresso alle ore 17.30) domenica dalle ore 13 alle ore 18 (ultimo ingresso alle ore 17.30)
  • 5per1000 Sostieni Chorus con il tuo 5per1000 e scrivi il nostro codice fiscale 94038070275 nel primo riquadro (ONLUS)
  • Chiesa di San Giobbe A causa di importanti lavori di manutenzione la visita artistica è sospesa nella chiesa di San Giobbe.

Le chiese >  Chiesa di Santo Stefano
Madonna della cintura

Autore: Leonardo Corona
Secolo: XVI°
DATA: 1591-95 ca.  COLLOCAZIONE: primo altare a sinistra (nella mappa n°81) MISURE: 490x260cm  TECNICA: dipinto su tavola

Titolo completo dell'opera: Madonna della Cintura con i santi Agostino, Monica, Stefano, Nicola da Tolentino e Guglielmo d’Aquitania

Il 6 febbraio 1591 fu concesso quest'altare, anticamente detto della Croce grande, alla Compagnia o Scuola dei Centurati, congregatesi nel monastero di Santo Stefano sin dal 1581 sotto il nome de la gloriosa vergine Maria di consolazione et del Padre Sant'Agostino. Tale data risulta ulteriormente valida per l'esecuzione dell'opera del Corona.

Ricca di citazioni tizianesche, ma soprattutto veronesiane, l'opera era apprezzata già dal Ridolfi (1594- 1658) che scriveva: "dipinse...diportandosi molto bene, ed usandovi uno studio particolare. E maggiormente havvendo havvuti molti concorrenti che pretendevan di farla, che non puotero poi far a meno di lodarla; onde crebbe in gran modo il di lui concetto".

La composizione è bipartita: nella zona superiore la Madonna con la cintura e il rosario è circondata da angeli; nella zona inferiore cinque santi e due chierici, tra i quali spicca la maestosa figura di sant' Agostino.

Alcuni elementi come il sant' Agostino si richiamano alla composizione di un' ulteriore tavola rinvenuta dietro la pala durante il restauro del 1971. La pala incompiuta e mutila nella zona superiore oltre a rappresentare uno studio progettuale del Corona condotto a olio su una grossolana imprimitura a gesso e colla, è anche raro esempio della poco nota attività grafica dell'artista.
Chorus - Associazione per le Chiese
del Patriarcato di Venezia

San Polo, 2986 - 30125 Venezia
tel +39 041 27 50 462
fax +39 041 27 50 494
P.Iva 03034040273
info@chorusvenezia.org