• dal 1 febbraio 2017 nuovi orari apertura chiese da lunedì a sabato dalle 10.30 alle 16.30 (ultimo ingresso alle ore 16.20); SAN GIOVANNI ELEMOSINARIO da lunedì a sabato dalle ore 10.30 alle ore 13.15 (ultimo ingresso alle ore 13.00) - SAN STAE da lunedì a sabato dalle ore 13.45 alle ore 16.30 (ultimo ingresso alle ore 16.20); BASILICA DEI FRARI INVARIATO da lunedì a sabato dalle ore 9 alle ore 18 (ultimo ingresso alle ore 17.30) domenica dalle ore 13 alle ore 18 (ultimo ingresso alle ore 17.30)
  • 5per1000 Sostieni Chorus con il tuo 5per1000 e scrivi il nostro codice fiscale 94038070275 nel primo riquadro (ONLUS)
  • Chiesa di San Giobbe A causa di importanti lavori di manutenzione la visita artistica è sospesa nella chiesa di San Giobbe.

Le chiese >  Chiesa di San Giovanni Elemosinario
FACCIATA

Autore: Anonimo
Secolo: XV°
AUTORE: Anonimo
TITOLO: Facciata
DATA: XV
COLLOCAZIONE: San Marco, campo Santo Stefano
TECNICA: muratura
MATERIALI: laterizio, cotto, pietra d'Istria, pietra di Verona

La facciata in laterizio a vista è tripartita con un corpo centrale avanzato corrispondente alla navata maggiore ed affiancato da due ali inclinate che consentono la percezione della struttura architettonica da campo Santo Stefano. Il portale è sovrastato da un arco affiancato da pilieri; ai suoi lati si aprono due coppie di bifore disposte su due livelli inserite in alte ed elenganti finestre archiacute decorate, lungo il bordo, da fasce in cotto a motivi geometrici. Al centro del fronte si apre un grande rosone lievemente strombato sopra il quale un ulteriore oculo di dimensioni inferiori garantisce una sufficiente illuminazione della navata centrale. Lungo la gronda della facciata corre una serie di archetti pensili. Il corpo centrale è separato dalle ali laterali, entrambe provviste di un'alta bifora inscritta in un arco acuto lievemente strombato, da due lesene angolari alla cui sommità sono poste edicole in pietra d'Istria e di Verona, simili a quella collocata al vertice della facciata. La lunetta polilobata del portale doveva conservare, fino al tardo Settecento, un affresco di Pietro Liberi raffigurante la Beata Vergine in aria che porge la cintura, sorretta dagli Angeli e a basso sant'Agostino e santa Monica. Il campanile a canna quadra, in laterizio e pietra d'Istria, fu oggetto di un intervento di restauro tra il 1902 e il 1904, durante il quale alcune campane vennero spostate in una piccola struttura a vela provvisoria, posta sopra il tetto della sacrestia maggiore e tuttora visibile dal campo.
Chorus - Associazione per le Chiese
del Patriarcato di Venezia

San Polo, 2986 - 30125 Venezia
tel +39 041 27 50 462
fax +39 041 27 50 494
P.Iva 03034040273
info@chorusvenezia.org