• dal 1 febbraio 2017 nuovi orari apertura chiese da lunedì a sabato dalle 10.30 alle 16.30 (ultimo ingresso alle ore 16.20); SAN GIOVANNI ELEMOSINARIO da lunedì a sabato dalle ore 10.30 alle ore 13.15 (ultimo ingresso alle ore 13.00) - SAN STAE da lunedì a sabato dalle ore 13.45 alle ore 16.30 (ultimo ingresso alle ore 16.20); BASILICA DEI FRARI INVARIATO da lunedì a sabato dalle ore 9 alle ore 18 (ultimo ingresso alle ore 17.30) domenica dalle ore 13 alle ore 18 (ultimo ingresso alle ore 17.30)
  • 5per1000 Sostieni Chorus con il tuo 5per1000 e scrivi il nostro codice fiscale 94038070275 nel primo riquadro (ONLUS)
  • Chiesa di San Giobbe A causa di importanti lavori di manutenzione la visita artistica è sospesa nella chiesa di San Giobbe.

Le chiese >  Chiesa di San Stae
Facciata

Autore: Domenico Rossi
Secolo: XVIII°
DATA: 1709-1710 COLLOCAZIONE: Santa Croce, campo San Stae TECNICA: muratura MATERIALI: pietra d'Istria

La fondazione della chiesa di San Stae (sant’Eustachio) risulta essere molto antica, anche se non ci sono notizie certe prima dell’inizio del XII secolo. L’antica chiesa era un edificio a cinque navate, ruotato di 90° rispetto a quello odierno, con la facciata sulla salizada S. Stae e l’abside che arrivava fino al rio Mocenigo.Alla metà del XVII secolo l’edificio versava in pessime condizioni statiche, tanto che si decise di abbatterlo per costruirne uno nuovo. Il progetto venne affidato allo sconosciuto architetto Giovanni Grassi e i lavori iniziarono nel 1678.La realizzazione della facciata fu resa possibile da un legato testamentario del doge Alvise II Mocenigo morto nel 1709. Venne bandito un concorso che fu vinto da Domenico Rossi; i lavori furono portati a termine nel corso del 1710 , grazie anche alla collaborazione degli sculturi più famosi dell’epoca: Torretto, Tarsi, Baratta, Cabianca, Groppelli e Corradini.Il prospetto si affaccia con la sua candida mole sul Canal Grande; un singolo ordine gigante di quattro semicolenne composite su alti piedistalli specchiati regge il grande timpano triangolare con al centro un rosone marmoreo riccamente traforato. Ai vertici del timpano sono collocate tre statue acroteriali del Redentore (1) al centro, affiancato dalla Fede (2) e dalla Speranza (3), opera di Antonio Corradini. L’ordine gigante è intersecato con un ordine minore di colonne e lesene ribattute corinzie, che regge il timpano spezzato del portale; la trabeazione di questo ordine minore prosegue lungo la facciata, attraverso gli intercolumni per definire, ai lati del corpo centrale avanzato, le due ali minori corrispondenti ai volumi interni delle cappelle laterali. Il timpano spezzato del portale è l’elemento più decisamente barocco dell’intero complesso, e alloggia un gruppo scultoreo. Nei due intercolumni sono aperte altrettante nicchie con una statua ciascuna e, sopra queste, oltre la trabeazione inferiore, sono collocati due bassorilievi quadrati.
Chorus - Associazione per le Chiese
del Patriarcato di Venezia

San Polo, 2986 - 30125 Venezia
tel +39 041 27 50 462
fax +39 041 27 50 494
P.Iva 03034040273
info@chorusvenezia.org